I colori dell’anima: nero, pace e potere

Ieri sera ero a cena con amici ed ho avuto modo di fare esperienza del colore nero.
Quando ci siamo salutati abbiamo spento per un attimo le luci e siamo stati a guardare le ultime lucciole che danzavano sulle fasce al limite con il bosco.

Per qualche istante ho sentito letteralmente che il mio corpo stava bevendo il nero buio fluido della notte.

Ah! Dentro, ogni cellula si dissetava.

Mi sono accorta di quanto mi mancasse stare nel buio sotto il cielo della notte.
Un fresco blu nero mi entrava dagli occhi e dai pori della pelle e mi stava rigenerando, riportandomi a qualcosa di profondo, vasto, misterioso, senza confini ma assolutamente me, completamente me.

Ora è mattina ma posso sentire ancora questo potente fiume di energia scorrere lento con una qualità di pace in me, anche in mezzo alle varie e un po’ caotiche incombenze della giornata; un sottofondo da cui pensieri, emozioni , azioni emergono si manifestano e tornano.

Questa qualità di pace inalienabile, non condizionata dagli eventi e che prescinde da essere o non essere in stati di conflitto interno ed esterno, è il vero potere.
A volte la dimentico, ma anche più semplicemente quando la ritrovo è il momento in cui serve.

i colori dell'anima, nero. Il significato del colore nero

Dov’è pace ?

Dove posso riposare e dove posso sentirmi UNO CON IL TUTTO, anche quando non mi piace ciò che è.

E’ dove vita e morte si incontrano

Dove apprezzo con pienezza ciò che mi piace e chi amo, perfettamente
consapevole che può finire o cambiare in ogni istante.

Dove posso voltare le spalle a ogni piccola idea su ciò che è giusto e sbagliato e ascoltare ogni voce dentro e fuori di me con la sua verità.

Dove “chi sono” è la vita che si manifesta in me, nel corpo, nei sensi, nelle relazioni.

Il “chi sono” è questa preziosissima forma che è iniziata e finirà e senza la quale la vita non avrebbe fatto questa UNICA esperienza di sé, necessaria fino a che esiste.

Necessarie sono tutte le “forme” di vita, ma proprio tutte quelle che esistono ora, compreso Salvini e Carola, il bambino che affoga, sua madre stuprata e lo stupratore che trasporta anche armi per le ignobili guerre, i medici che vivono per salvare le vite dei feriti e quelli che vendono gli organi dei bambini.

Sono il fiume della vita, la nera notte da cui tutto emerge, riconosco amore, odio, paura, gioia quando le incontro perché sono anche dentro di me.

Ieri sera ci eravamo riuniti per una meditazione Kundalini e poi cena; ho proposto per la prossima settimana una meditazione della notte.

In Paint meditation, nelle sessioni individuali come nei workshop, facilito la connessione con le qualità essenziali associate con i colori, sia attraverso
esercizi di meditazione sia nell’uso del colore sul foglio.

Non è il corpo a porsi come una barriera tra te e la realtà,
ma il tuo attaccamento a esso.
Una volta che saprai che l’attaccamento non esiste,
per te il corpo non ci sarà più.
Piuttosto, l’esistenza intera si trasformerà nel tuo corpo,
quest’ultimo diventerà parte dell’esistenza totale,
non sarà più qualcosa di separato.

[p. 216 I segreti della gioia (vol. IV) OSHO]


Per approfondire

  • i prossimi Eventi (workshop in cui potrai sperimentare la paint meditation)
  • Chi sono

Per informazioni su sessioni individuali e workshop di gruppo:
Leela 3474488403
info@leelastudio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *